Traslate :

Opportunità in Azerbaijan

  1. L'Azienda AzGuntech Company Overview, (2012) (principale azienda azera sett. fotovoltaico) desidera entrare e valutare costantemente progetti e partnership con societa' straniere finalizzate all'acquisizione di nuove tecnologie produttive. http://en.president.az/articles/4755 
  2. Progetti di investimento/coll. Industriale, per scambio tecnologico e know how, proposti da AZPromo (Agenzia nazionale azera per l'attrazione degli investimenti esteri e per la promozione dell'export) e dal Ministero dell'Ambiente finalizzati a soddisfare la sempre piu’ crescente domanda energetica - Settori:
    1. Energie Alternative e Energie da fonti Rinnovabili 
      1. Solare, Industria in fase di sviluppo seguita dalla societa ' 2M Engineering Ltd 
      2. Fotovoltaico - Impianti di con sistemi in PV, Industria seguita da Matanat A company 
      3. Recupero "energia" da rifiuti solidi - impianto situato a Sumgait -40km da Baku 
      4. Riciclo rifiuti solidi - impianto situato a Sumgait Nota priorita' - Sviluppo delle tecnologie per i pannelli solari, e modulari Produzione locale di turbine e pale eoliche, impiantistica generale legata agli impianti eolici, produzione di lampade solari etc., 
      5. Costruzione di un giardino zoologico’ - Ministero dell’Ambiente
      6. Sviluppo della distribuzione della rete idrica nazionale, unitamente al trattamento delle acque – Ministero dell’Ambiente
  3. Progetti legati alla bonifica dei principali siti di estrazione petrolifera
Altri settori

Il settore manufatturiero azero è in crescita. Il Comitato di Statistica dell'Azerbaijan indica il suo valore per 3,9 miliardi di manat (3.7 miliardi di EURO) con un aumento del 8% rispetto allo stesso periodo del 2012. Nel primo semestre del 2013 sono stati prodotti 326 autovetture, volume di 3.4 volte in piu’ rispetto allo stesso periodo del 2012. Notevole incremento si regstra nella produzione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (72.9%), nella preparazione e lavorazione del legno (46,2%), carta e cartone (36,9%) e prodotti del tabacco. 

Un aumento è invece evidente nella produzione di gomma, materie plastiche (3,4 volte) e computer e altre apparecchiature elettroniche. I maggiori produttori di elettronica presenti in Azerbaijan sono: IBM, Siemens, Motorola, Nokia, Microsoft, Hewlett-Packard, Panasonic, Ericsson. Hanno accordi di produzione con agenti locali. 

Sinam è l'azienda con maggiore importanza nel settore elettronico. Secondo l'Industry Report di gennaio 2012 assembla 10,000 computer Hewlett-Packard e Kur ogni anno. Si tratta di un produttore locale e si occupa anche dello sviluppo di software e prodotti multimediali. 

Un'altra azienda locale importante, però nel settore chimico, è il consorzio di produzione Azerkimiya, che ha come esportazioni principali polietilene, propilene, alcol isopropilico, glicole propileni, destinate per oltre il 50% al mercato turco (Comitato Doganale Statale). Altri settori che hanno registrato un aumento nella produzione sono il settore tipografico (2,1 volte), il settore mobiliere (3,5 volte) e l'industria tessile (1,98 volte - Comitato di Statistica azero). 

L'industria della trasformazione dei prodotti agricoli ha visto investimenti limitati, sia dai locali sia da aziende estere e ha bisogno di riammodernamento: secondo l'Economist Industry Report 2012, l'Azerbaijan esporta i suoi prodotti agricoli in Turchia, Russia e Georgia, dove sono trasformati e poi rinviati in Azerbaijan. 

Secondo i dati del Comitato di Statistica Statale la produzione agricola valutata a prezzi correnti è stata di 3.09 miliardi di manat pari a 3.7 miliardi di EURO. L’industria agroalimentare, in particolare per la lavorazione della frutta e dei vegetali è suddiviso tra ottanta aziende, di cui la più importante è opera di un'associazione turco-azera (Azersun Holding). 

La situazione descritta può essere interpretata come incoraggiante per le società straniere, in quanto si nota una possibilità di penetrazione nel mercato tramite collaborazioni con società locali

Il Paese non soddisfa la propria domanda di prodotti agricoli con la produzione interna e, infatti, è costretto ad affidarsi all'importazione. Questi dati sono rivelatori del tipo di agricoltura esercitato - agricoltura di sussistenza- e potrebbe indicare un mercato dei macchinari agricoli limitato e aperto a investimenti, oltre che a una necessità di diversificazione delle colture. 

Il settore ICT svolge un ruolo fondamentale tra i settori non-Oil in rapido sviluppo. 

Nei primi sei mesi del 2013, la spesa nel settore e’ stata pari a 845,5 milioni di Euro, rappresentando il 6.9 % in piu’ rispetto allo stesso periodo del 2012. *

Per le telecomunicazioni, l'operatore nazionale è Aztelekom, di proprietà dello Stato, che ha un semi-monopolio sulle telefonate a lunga distanza e le chiamate internazionali. E' prevista la privatizzazione della compagnia in futuro. Nel settore della telefonia mobile operano in loco quattro compagnie, frutto di partnership internazionali - Azercell -Teliasonera (Norvegia) e TUrkcell, Bakcell (Israele e USA)e Azerfon (in parte proprietà del ministero delle comunicazioni) e CATEL ( comunicazioni satellitari) locale . 

Il settore delle telecomunicazioni mostra quindi segni di sviluppo, al punto che alcune delle compagnie hanno deciso di incrementare i servizi offerti di recente. 

Un settore che risente pesantemente della mancanza di competitività è quello creditizio, composto di un grande numero di piccole banche: ne sono state calcolate quarantaquattro nel 2011 che, secondo l'Economist Financial Services Report, per la maggior parte hanno dovuto prendere prestiti all'estero per incontrare la alla domanda di credito interna al Paese. La banca più importante l’Internation Bank of Azerbaijan, di cui lo Stato ha proprietà parziale. Con il 37% di azioni e 45% del credito totale dell'economia (Economist Financial Report January 2012), l'IBA ha un semi-monopolio sui servizi finanziari. 

Il governo azero ha intenzione di privatizzarla nei prossimi anni, come parte della strategia per incrementare la differenziazione economica. 

I titoli del mercato azero, secondo l'Economist Financial Service Report, sono nella borsa valori "Baku Stock Exchange", cui circa 90% dell'attività riguarda i titoli di Stato. E' supervisionata dal Comitato Statale per le Azioni, tra i cui compiti rientrano anche lo sviluppo del mercato azionario, la regolazione delle attività dei suoi membri e la difesa dei loro interessi legali. 

Non essendo ancora integrato nel mercato globale, il settore creditizio ha almeno evitato i peggiori effetti della crisi economica globale. Purtroppo però la disinflazione del 2009 ha reso ancora più difficile alle SMEs locali l'ottenimento del credito. 

Il World Economic Forum indica che l'accesso al credito è uno dei maggiori ostacoli per le SMEs in Azerbaijan,secondo degli studi OCSE e IFC. Le principali banche presenti sul territorio sono Yapi Kredi (turca), Azer-Turk Bank (turca), Nikoil (russa), Commerzbank (tedesca) e Citibank (americana).

*(Fonte: Elaborazioni ICE su dati Comitato Nazionale di Statistica dell’Azerbaijan)

Fonte: Nota congiunturale Azerbaijan - Novembre 2013 - ICE - Direttore sede Baku : Luigi D'Aprea

Nessun commento:

Posta un commento